• Home
  • Blog
  • Ipnosi per le donne affette da tumore al seno

Ipnosi per le donne affette da tumore al seno

  • 29 Dicembre 2020

Ipnosi per le donne affette da tumore al seno

Ipnosi per le donne affette da tumore al seno

Il cancro al seno rappresenta una sfida per i sistemi sanitari di tutto il mondo essendo uno dei quadri oncologici più comuni ed una delle principali cause di mortalità nelle donne a livello globale 1. Il trattamento medico di questo quadro spesso implica il ricorso a procedure chirurgiche che, sebbene fondamentali per il percorso di guarigione, rischiano di influenzare negativamente il benessere psicofisico delle pazienti a vari livelli 2–4. Per questa ragione le raccomandazioni internazionali enfatizzano l’importanza di accompagnare la donna garantendo il massimo livello di comfort così da prevenire risposte emotive che rischino di aumentarne i livelli di stress.

La relazione tra gli aspetti psicologici e fisiologici nelle patologie oncologiche è ormai da tempo studiata nell’ambito di discipline come la psico-neuro-immunologia e le scoperte più recenti indicano che maggiore è l’agio con cui si attraversano i percorsi terapeutici, migliori saranno gli esiti sia sul piano medico, sia sul piano personale 5: mente e corpo intrattengono infatti una relazione bidirezionale in cui gli aspetti fisici influenzano le emozioni e viceversa. Scoperte di questo tipo hanno stimolato i ricercatori ad esplorare strumenti che possano contribuire al funzionamento armonioso di questo complesso sistema di regolazione.

È così che la ricerca internazionale ha iniziato a produrre sempre più testimonianze che mostrano come interventi non farmacologici rivolti a migliorare lo stato emotivo possono avere esiti positivi sulla salute mentale e fisica delle pazienti. Più specificamente:

  • Tanto più sarà alto il benessere nei giorni precedenti all’operazione, tanto più bassa sarà l’intensità del dolore dopo l’operazione e la probabilità che questo si cronicizzi 6.
  • Alti livelli di stress hanno effetti inibitori su alcune importanti funzioni endocrine ed immunitarie ed alcuni studi mostrano che giungere al giorno dell’intervento in uno stato di equilibrio emotivo favorisce il percorso di guarigione 2,4,7,8.

L’ipnosi è uno di questi strumenti e la ricerca ha mostrato che può essere utile in diverse fasi del trattamento. Esperimenti condotti reclutando gruppi di donne che avevano ricevuto questa diagnosi e che erano in attesa dell’operazione hanno mostrato come una seduta di ipnosi della durata di 15 minuti può ridurre lo stress, aumentare il grado di rilassamento, ridurre il dolore, i dosaggi di antidolorifici e migliorare lo stato emotivo 9–13.

Si tratta di una metodica che, in forma di autoipnosi, può essere utilizzata dalla paziente stessa così da aumentare i propri gradi di autonomia ed appropriarsi di strumenti per migliorare il proprio benessere. Questo modo di prendersi cura di sé ha ricevuto supporto dalla ricerca internazionale. Infatti, l’utilizzo dell’autoipnosi può contribuire ad alleviare alcuni effetti secondari delle terapie (come nausea, vomito e vampate di calore 13),  migliorare la risposta immunitaria 14,15 e ridurre così il rischio di recidive.

Ma cos’è l’ipnosi? Si tratta di uno stato speciale di coscienza che permette a chi vi accede di entrare in contatto più diretto con le proprie risorse consce ed inconsce. Nonostante si tratti di una metodica nota sin dal ‘700, è grazie agli avanzamenti scientifici avvenuti nella seconda metà del secolo scorso che è stato possibile comprenderne meccanismi e potenzialità. In ambito medico si tratta di una metodica molto diffusa nella gestione del dolore in vari quadri medici, da quelli oncologici a quelli neurologici. In area psicologica e psicoterapeutica si è dimostrata efficace nel trattamento di varie condizioni, tra cui ansia, conseguenze di traumi 16,17 ed insonnia 18. Facilita inoltre processi fisiologici come gravidanza e parto 19–22 ed è particolarmente efficace in ambito pediatrico 23.

In sintesi, l’ipnosi condotta da un clinico esperto ed utilizzata in forma di autoipnosi può supportare la donna nel percorso di trattamento del tumore al seno. La metodica sembra essere particolarmente adatta a questo ambito di applicazione vista la sua capacità di sostenere i processi di guarigione e di favorire un migliore stato emotivo. In una fase così delicata della propria vita, coltivare un più profondo contatto con il proprio inconscio può permettere al corpo ed alla mente di reclutare tutte le proprie risorse al servizio di un maggiore benessere a lungo termine.

 

Bibliografia

  1. Bray, F. et al. Global cancer statistics 2018: GLOBOCAN estimates of incidence and mortality worldwide for 36 cancers in 185 countries. CA Cancer J. Clin. 68, 394–424 (2018).
  2. Gottschalk, A., Sharma, S., Ford, J., Durieux, M. E. & Tiouririne, M. The Role of the Perioperative Period in Recurrence After Cancer Surgery. Anesthesia & Analgesia 110, 1636 (2010).
  3. Kehlet, H. Multimodal approach to control postoperative pathophysiology and rehabilitation. Br. J. Anaesth. 78, 606–617 (1997).
  4. Desborough, J. P. The stress response to trauma and surgery. Br. J. Anaesth. 85, 109–117 (2000).
  5. Reiche, E. M. V., Nunes, S. O. V. & Morimoto, H. K. Stress, depression, the immune system, and cancer. Lancet Oncol. 5, 617–625 (2004).
  6. Lang, E. V. et al. Adjunctive self-hypnotic relaxation for outpatient medical procedures: A prospective randomized trial with women undergoing large core breast biopsy. Pain vol. 126 155–164 (2006).
  7. Neeman, E. & Ben-Eliyahu, S. Surgery and stress promote cancer metastasis: new outlooks on perioperative mediating mechanisms and immune involvement. Brain Behav. Immun. 30 Suppl, S32–40 (2013).
  8. Sessler, D. I. Long-term consequences of anesthetic management. Anesthesiology 111, 1–4 (2009).
  9. Schnur, J. B. et al. Hypnosis decreases presurgical distress in excisional breast biopsy patients. Anesth. Analg. 106, 440–4, table of contents (2008).
  10. Schnur, J. B., Kafer, I., Marcus, C. & Montgomery, G. H. Hypnosis to manage distress related to medical procedures: a meta-analysis. Contemporary Hypnosis vol. 25 114–128 (2008).
  11. Schnur, J. B. et al. Anticipatory psychological distress in women scheduled for diagnostic and curative breast cancer surgery. Int. J. Behav. Med. 15, 21–28 (2008).
  12. Bruce, J. et al. Chronic preoperative pain and psychological robustness predict acute postoperative pain outcomes after surgery for breast cancer. Br. J. Cancer 107, 937–946 (2012).
  13. Chen, P.-Y., Liu, Y.-M. & Chen, M.-L. The Effect of Hypnosis on Anxiety in Patients With Cancer: A Meta-Analysis. Worldviews on Evidence-Based Nursing vol. 14 223–236 (2017).
  14. Gruzelier, J., Smith, F., Nagy, A. & Henderson, D. Cellular and humoral immunity, mood and exam stress: the influences of self-hypnosis and personality predictors. Int. J. Psychophysiol. 42, 55–71 (2001).
  15. Gruzelier, J. H. A review of the impact of hypnosis, relaxation, guided imagery and individual differences on aspects of immunity and health. Stress 5, 147–163 (2002).
  16. Bryant, R. A., Moulds, M. L., Guthrie, R. M. & Nixon, R. D. V. The additive benefit of hypnosis and cognitive-behavioral therapy in treating acute stress disorder. J. Consult. Clin. Psychol. 73, 334–340 (2005).
  17. Hammond, D. C. Hypnosis in the treatment of anxiety- and stress-related disorders. Expert Rev. Neurother. 10, 263–273 (2010).
  18. Anbar, R. D. & Slothower, M. P. Hypnosis for treatment of insomnia in school-age children: a retrospective chart review. BMC Pediatr. 6, 23 (2006).
  19. Vandevusse, L., Irland, J., Berner, M. A., Fuller, S. & Adams, D. Hypnosis for Childbirth: A Retrospective Comparative Analysis of Outcomes in One Obstetrician’s Practice. American Journal of Clinical Hypnosis vol. 50 109–119 (2007).
  20. Cyna, A. M., Andrew, M. I. & McAuliffe, G. L. Antenatal self-hypnosis for labour and childbirth: a pilot study. Anaesth. Intensive Care 34, 464–469 (2006).
  21. Landolt, A. S. & Milling, L. S. The efficacy of hypnosis as an intervention for labor and delivery pain: a comprehensive methodological review. Clin. Psychol. Rev. 31, 1022–1031 (2011).
  22. Mehl-Madrona, L. E. Hypnosis to facilitate uncomplicated birth. Am. J. Clin. Hypn. 46, 299–312 (2004).
  23. Adinolfi, B. & Gava, N. Controlled outcome studies of child clinical hypnosis. Acta Biomed. 84, 94–97 (2013).

 


Gallery

Contattaci